Elenco blog personale

martedì 27 giugno 2017

Recensione Il passo in più di Francesco Pierucci.


Titolo: Il passo in più
Autore: Francesco Pierucci
Genere: romanzo di (de)formazione on the road
Pagine: 219
Casa editrice: Nulla Die
Voto: 7
Scopri l’autore:
Nato a Napoli nel 1989, Francesco Pierucci vive a Milano dove lavora come copywriter freelance. Grande appassionato di cinema, ha rappresentato l’Italia nella giuria internazionale del Festival di Venezia. Dopo aver collaborato a diverse antologie, ha pubblicato Dieci piccoli passi (La Gru 2011). Il passo in più è il suo primo romanzo.
Trama:

Dopo il successo del suo primo romanzo Il passo in più, uno scrittore non riesce più a ritrovare l’ispirazione. Decide così di partire per un disperato viaggio on the road con la sua fidata Underwood Standard in cerca della creatività perduta.
Durante il percorso a bordo della sua auto sgangherata incontrerà suo malgrado una serie di personaggi decisamente grotteschi tra cui uno sceneggiatore obeso, un falacrofobico con manie di grandezza e una pescivendola napoletana senza scrupoli.
Tra fughe, risate, arresti e incidenti di ogni tipo, il protagonista vivrà un’avventura surreale dalle forti tinte cinematografiche che sarà difficile dimenticare.

Recensione:


Mi fa sempre molto piacere scoprire nuovi scrittori, per giunta italiani, quindi quando mi è arrivata la proposta di leggere e recensire questo libro ne ero contentissima.
Devo dire che mi sono subito immedesimata nel protagonista, anche io come lui adoro scrivere (ma non sono mai stata un autrice di best seller!!!) e anche io sono spesso vittima di blocchi dello scrittore assurdi e duraturi.
È bello come l'autore riesca a descrivere alla perfezione questa particolare sindrome di cui gli scrittori soffrono spesso, è bruttissimo quando hai mille idee in testa che ti sembrano pure buone, ma non riesci a metterle nero su bianco, ancora peggio quando di idee non ne hai proprio e ti spremi le meningi e non pensi ad altro che a inseguire qualsiasi cosa sia capace di ispirarti!
Inoltre chi riesce a sfondare davvero nella hole of fame della letteratura è perseguitato a vita si può dire.
Difficilmente si riesce a superare i libri migliori e, se sei proprio tu lo scrittore dell'ultimo libro più venduto di sempre, allora sono guai perché scenderai in battaglia con te stesso, chiederai tanto e sarai disposto a sputare sangue per scrivere qualcosa di anche solo paragonabile al precedente...senza successo però.
Pensate a J.K.Rowling, la mamma di Harry Potter, quando mai le riuscirà di scrivere un'altra saga che abbia un tale successo? Mai più nella vita.
Stessa cosa succede al nostro protagonista, uno scrittore portato al successo dall'unico libro scritto, che si rivela un successo senza pari, paragonato a grandissimi scrittori, intervistato in tv, chiamato in quasi tutte le trasmissioni di spicco, oggetto di dure battaglie fra editori, insomma dall'oggi al domani il suo nome viene pubblicato su tutti i giornali.
L'interesse della gente sale alle stelle e con la fama anche le aspettative.
Ed è qui che succede il patatrac.
Il nostro protagonista è messo sotto torchio, il suo editore lo assilla speranzoso di tirare su palate di soldi con la pubblicazione del suo nuovo libro, i lettori non aspettano altro che di avere tra le mani la prossima opera ma...lui perde ogni ispirazione.
Eh si, va ne pallone completo, diventa incapace di mettere anche solo una singola frase di senso compiuto su un foglio.
Depresso e avvilito decide di piantare baracca e burattini e di partire per un viaggio alla ricerca, non di se stesso, ma dell'ispirazione.
Ed è qui che inizia lo spettacolo.
Mi sono divertita da morire a leggere dei personaggi strambi che incontra e delle situazioni inverosimili in cui incappa il nostro uomo.
Primo fra tutti un simpatico, quanto rozzo, omaccione assieme al quale si mette in guai davvero seri.

È molto divertente l'amore e odio che si crea tra i due, spesso mi ritrovavo a ridacchiare fra una marachella e l'altra.
Sicuramente è il personaggio che fa più sudare il nostro scrittore in blocco ma, paradossalmente, è anche quello che lo aiuta maggiormente a ritrovare la voglia di scrivere e la fiducia in se stesso e nelle proprie capacità.
Da lì è un via vai di personaggi strani come il signore cieco e saggio, la Ragazza con la Gonna rossa che pare un sogno o forse un incubo, la congrega di fobici in cui inciampa tra una scorribanda e l'altra, e così via.
Mi ha fatto davvero divertire molto leggere Il passo in più.
Ma l'autore ha saputo dosare bene comicità e profondità, tant'è che il finale è una vera e propria redenzione, un nuovo inizio, che ispira il lettore a non arrendersi mai, nemmeno quando tutto sembra perduto.
È questo che ho imparato leggendo Il passo in più a cui ho dato un meritatissimo 7, lo stile è scorrevole, la storia leggera e divertente ma non demenziale, i personaggi buffissimi ma utili allo scopo, ed il protagonista sufficientemente tormentato, così simile a tutti noi che non possiamo fare a meno di immedesimarci in esso, perché tutti noi ci sentiamo un po' sfigati alle volte.
Credo sia fondamentalmente questa la chiave del successo di questo libro.
Vi consiglio di leggerlo, non ve ne pentirete.





lunedì 26 giugno 2017

Top ten.

Ciao a tutti amici del Mondo di Cry, come state?
Io bene anche se ultimamente, causa lavoro, devo organizzarmi ogni singolo post ed è una fonte di ansia visto il mio carattere precisino per quanto riguarda il blog.
Ma non parliamo del mio tempo contato e andiamo subito a vedere cosa ho pensato per voi oggi.
Dovete sapere che sono iscritta ad un sacco di blog e canali youtube, e in queste sere, girando sul web, ho trovato un simpatico argomento proposto da una delle mie book tuber preferite e che volevo fare da tanto tempo visto che sono piena zeppa di personaggi a cui sono legata:


Top ten
10 personaggi maschili.

1) Dylan Dog

Ho iniziato ad amare questo personaggio fin da ragazzina. Si può quasi dire che è stato il mio primo amore libresco, e lo è tutt'ora.
Mi sono lasciata affascinare da questo bell'uomo in jeans e camicia rossa, lo sguardo di un azzurro intenso (peccato il fumetto sia in bianco e nero), e la sua professione: indagatore dell'incubo.
Cosa potrei volere di più dalla vita?
Con lui ci sarebbe da divertirsi!
Chissà se prenderei anche io il vizio di dire “Giuda ballerino!”?

2) Tegan
Risultati immagini per tegan la stirpe di mezzanotte
Con lui è stato un amore nato lentamente, dapprima mi ha impressionato con il suo fascino letale per poi conquistarmi definitivamente con le sue doti da latin lover bisbetico.
Si avete letto bene, bisbetico, perché tutto si può dire di questo personaggio, ma non che la simpatia sia una sua qualità.
Ma sapete bene che noi fanciulle ci innamoriamo del bello e stronzo di turno...sempre!

3) Paperino
Risultati immagini per paperino
Beh, chi mi conosce sa della mia inclinazione a favorire i personaggi irascibili, buffi e sfigati. Si da il caso che Paperino sia esattamente così.
Tanti amano Topolino perché è intelligente, serio, coraggioso ecc...ma a me annoia terribilmente, per cui da bambina ho eletto il simpatico pennuto come il mio preferito in assoluto.
E poi mi assomiglia troppo! Anche la pigrizia è uguale.

4) Kilyan Jones (Uncino)

Ho scoperto Once upon a time solo quest'anno e...non potevo non avere un debole per uno dei tantissimi personaggi.
Eh si lettori, io ho perso la testa per l'affascinante, conturbante e sexy Uncino, il pirata di pelle vestito, con teschi al collo e anellazzi ad ogni dito.
Io lo amo! Basta!
Incontrassi un uomo così lo sposerei senza nemmeno pensarci su.

5) La bestia

Si, lo so, ora state storcendo il naso ma io difenderei la Bestia fino alla morte.
All'inizio è cattivo, aggressivo, rozzo, crudele e dittatore, ma vi ricordate come cambia quando apre il cuore a Belle?
Ecco è per questo che mi piace tanto, è un personaggio che, nonostante il suo aspetto, riesce a far sciogliere il cuore...o almeno il mio. Non per niente è stato il mio primo Funko pop, non potevo non averlo sulla mia libreria.

6) Dracula
Risultati immagini per dracula hotel transylvania
Non sto parlando del libro o del film ma bensì di Hotel Transilvania.
Lo ricordate? Alto, mantellato di nero, occhi azzurri, canini appuntiti?
Insomma lui, Dracula!
Mi ha fatto troppa simpatia, la sua parlata mi fa morire dal ridere e devo ammettere che, la sua gelosia nei confronti della figlia Mavis, rispecchia molto quella dei padri reali.
Troppo simpatico.

7) Jem
Risultati immagini per jem carstairs
Amore recente per questo Cacciatore, personaggio di Shadowhunters che ha conquistato il mio cuoricino di burro.
La sua eleganza, la sua gentilezza, ma anche la sua fragilità hanno finito per rubarmi il cuore e non vedo l'ora di leggere Il principe per ritrovarlo nuovamente.

8) Ron Weasley

Lo sapete bene perché l'ho detto almeno 100 volte che voglio sposare Ron Weasley.
Lo so che vi sembrerà strano ma la sua incapacità mi ha fatto cadere ai suoi piedi.
Sono questi i personaggi che mi piacciono, un po' fessacchiotti ma che riservano sorprese inaspettate e, al momento opportuno, possono salvare la situazione. E poi è un amico molto leale e ciò è sempre apprezzato.

9) Cam
Risultati immagini per cam fallen
Ve l'ho detto che a me piacciono gli stronzi, quindi tra Daniel e Cam della serie Fallen, non potevo che scegliere Cam.
Prima di tutto è davvero bellissimo, moro con due occhi verdi che incantano, se poi ci aggiungiamo che è sicuro di sé, misterioso, un filo arrogante e con una storia tutta da scoprire, ragazzi, è la morte sua!
Ha catturato la mia attenzione fin dalla prima comparsa e il mio amore per lui è cresciuto con Unforgiven.

10) Jacob

Ehm...si...ho amato il licantropo noioso di Twilight...e non me ne vergogno.
È un personaggio un po' sdolcinato, è vero, ma per una ragazzina era il massimo (almeno per me) e non rimpiango di averlo adorato e di guardarlo con affetto dopo tanti anni.
L'attore poi ha un fisico da urlo e il fatto che nel film sia sempre senza maglia fa la sua parte!

Bene amici lettori, questi sono i miei 10 personaggi maschili, mi farebbe piacere conoscere i vostri quindi, se vi capita di proporlo sui vostri blog mandatemi il link così vado a sbirciare.
Bacioni cari amici lettori!

domenica 25 giugno 2017

Tour della mia libreria #6

Ciao a tutti amici lettori, il tour della libreria è quasi finito, erano 7 video e questo è il 6°, abbiate fede, ormai ve l'ho fatta vedere tutta.
Buona visione :)
Ci leggiamo domani con un nuovo post, bacioni dalla Cry.

video

sabato 24 giugno 2017

Novità in libreria giugno.

 

Questo mese ci sono davvero un sacco di uscite interessantissime e che io non mi voglio assolutamente perdere!
Partiamo con Winter, della saga Cronache Lunari di Marissa Meyer di cui parlano davvero tutti!
Purtroppo devo ancora recuperare i volumi precedenti quindi aspetterò ancora qualche mese per portarmi a casa Winter.
Invece ordinerò subito il 4° volume della saga draghesca I Regni del fuoco, anche se devo ancora leggere il 3° che ho messo in TBR per il mese di giugno...ma che non ho ancora nemmeno iniziato.
Comunque mi porto avanti e me lo compro.

 

Ormai è un dato di fatto, io vado pazza per i libroni enormi che contengono una saga intera quindi mi posso mai lasciar scappare Il castello errante di Howl? Direi di no!
Sicuramente è un ottimo modo per risparmiare qualche soldino.
Il mio amore per la Troisi lo conoscete già ed io non vedo l'ora di leggere il 3° volume della saga Pandora dove rincontrerò la dark Pam e leggerò delle sue gesta. Non vedo l'ora.








Ammetto che della Yoshimoto ho letto soltanto un libro, una sacco di tempo fa per giunta e non mi ricordo nemmeno se mi era piaciuto a meno...nonostante questo sono rimasta colpita dalla copertina di Another World, che se non erro, è l'ultimo libro di una quadrilogia.
Prima di domani semplicemente m'ispirava per la trama ma non so se lo prenderò alla fine...però mi pare che valga la pena di farvelo vedere.























Per chi di voi ama qualcosa di più forte vi consiglio il nuovo libro di Grisham Il caso Fitzgerald che mi pare davvero molto interessante, nonostante io non ami particolarmente questo autore.
Molto più adatto al mio genere è il libro di Tolkien Beren e Lùthien, non ho mai letto nulla di suo e devo assolutamente rimediare.

 

Ultimi, ma non per importanza Il rogo della strega, che mi attizza moltissimo visto che ho letto pochi libri a tema streghe, e Time Deal proposto dalla Dea, casa editrice che mi piace abbastanza.

Bene amici lettori, queste sono le uscite librose di giugno, fatemi sapere se vi interessa qualcosa.
Ci leggiamo domani con un nuovissimo post.
Bacioni dalla Cry.

venerdì 23 giugno 2017

Presentazione Il passo in più di Francesco Pierucci

Ciao amici lettori, come state?
Oggi vi presento con piacere un libro davvero carinissimo: Il passo in più di Francesco Pierucci.
Sono gentilmente stata invitata a partecipare al blog tour di questo libro assieme ad altri blogger quindi oggi lo presentiamo e il 27 uscirà la recensione proprio sul mio blog, tenetemi d'occhio!
TITOLO
Il passo in più

AUTORE
Francesco Pierucci

EDITORE
Nulla Die (nulladie.com)

DATA DI PUBBLICAZIONE
Aprile 2017

GENERE
romanzo di (de)formazione on the road

SINOSSI
Dopo il successo del suo primo romanzo Il passo in più, uno scrittore non riesce più a ritrovare l’ispirazione. Decide così di partire per un disperato viaggio on the road con la sua fidata Underwood Standard in cerca della creatività perduta.
Durante il percorso a bordo della sua auto sgangherata incontrerà suo malgrado una serie di personaggi decisamente grotteschi tra cui uno sceneggiatore obeso, un falacrofobico con manie di grandezza e una pescivendola napoletana senza scrupoli.
Tra fughe, risate, arresti e incidenti di ogni tipo, il protagonista vivrà un’avventura surreale dalle forti tinte cinematografiche che sarà difficile dimenticare.

SCOPRI L'AUTORE

Nato a Napoli nel 1989, Francesco Pierucci vive a Milano dove lavora come copywriter freelance. Grande appassionato di cinema, ha rappresentato l’Italia nella giuria internazionale del Festival di Venezia. Dopo aver collaborato a diverse antologie, ha pubblicato Dieci piccoli passi (La Gru 2011). Il passo in più è il suo primo romanzo.

Letture di gruppo #1

Ciao amici lettori!
Sono lieta di presentarvi una nuova rubrica in collaborazione con il mio “fratellino” Carmelo di La libreria incantata
la novità si chiamerà Letture di gruppo e consisterà nel parlarvi di un libro che sceglieremo di leggere assieme durante il mese in corso. Abbiamo pensato che poteva essere una rubrica che unisce l'utile al dilettevole.
Insomma per questa ragione è nata Letture di gruppo. Spero che sia di vostro gradimento.
Buona lettura.

Letture di gruppo #1

Shadowhunters - L'angelo.

Trama:
In una Londra vittoriana fosca e inquietante giunge la giovane Tessa Gray, orfana di 16 anni che ha lasciato New York per raggiungere il fratello Nate in Europa. Ma la capitale inglese nasconde un mondo sovrannaturale popolato da demoni, vampiri, lupi mannari...e Shadowhunters. Ma chi è davvero Tessa? Quale legame unisce il suo destino a quello dei Nephilim? Qual'è l'origine del suo tremendo potere?

Personaggio preferito:
Jem, l'ho subito amato profondamente.
In genere sto dalla parte dei personaggi più tenebrosi e complicati come Will ma, questa volta, l'eleganza, la maturità e l'intelligenza acuta di questo Cacciatore mi hanno fatto capitolare.
I suoi modi gentili e raffinati mi hanno conquistata e spero soltanto che non faccia una brutta fine...non lo sopporterei mai e poi mai e poi mai!
È un bellissimo personaggio che porta conforto molto spesso agli altri personaggi ed ha un passato tormentato, se poi ci aggiungiamo il fatto che la sua vita è appesa ad un filo abbiamo l'apoteosi della catastrofe che potrebbe straziarmi il cuore.

Citazione preferita:
Se hai l'anima di un guerriero, sei un guerriero.”

Il mio pensiero:
Era davvero da molto tempo che tutti mi consigliavano di leggere questa saga lodando particolarmente Le Origini, dalle quali ho iniziato.
Faccio ancora fatica a trovare le parole per descrivere quanto mi sia piaciuto questo libro per cui vi prego di leggere tra le righe perché mi trovo in difficoltà, come ogni volta che devo parlare dei miei sentimenti.
Perché vi faccio questa premessa?
Per il semplice fatto che, L'angelo, ha scatenato in me mille emozioni e mille sentimenti già dall'inizio e non so davvero cosa mi riserveranno i prossimi 2 volumi ma ho sentito che ci sarà da piangere!
Ma parliamo del libro nello specifico.
Come sapete io amo il fantasy, amo il mondo sovrannaturale e le sue creature, ma sopratutto amo i Cacciatori di demoni e qui ce ne sono di affascinanti.
L'ambientazione è strepitosa, una Londra cupa dove il bene ed il male si scontrano nelle notti buie e piovose, dove il mondo sovrannaturale si mescola a quello umano senza dare troppo nell'occhio.
Poi ci sono i personaggi, uno più sfaccettato dell'altro.
Partiamo da Tessa, la protagonista: una ragazza di soli 16 anni, orfana, che di punto in bianco lascia New York per recarsi a Londra dove il fratello l'attende, o meglio la dovrebbe attendere ma così non è.
Tessa si ritrova quindi a convivere all'Istituto con i Cacciatori, membri dell'Enclave, un gruppo di cacciatori di demoni.
Proprio lei che nulla sapeva del mondo sovrannaturale si riscopre membro ufficiale del genere, un grosso e prezioso potere alberga in lei, l'anima di una mutaforma che, attraverso il solo contatto con un oggetto appartenuto ad una persona, è in grado di mutare il proprio corpo ad immagine e somiglianza della persona a cui apparteneva l'oggetto.
Un potere su cui molti vorrebbero mettere le mani, proprio perché unico.
Tessa però non mi ha conquistata devo ammetterlo.
Molti parlano di questo personaggio descrivendola come una donna forte, una vera guerriera, ma io l'ho trovata solo noiosa e scontata.
Ho invece trovato molto interessante, seppur antipatica talvolta, Jessamine, la Cacciatrice snob e altezzosa che però, secondo me, ha un grosso potenziale e spero che nei prossimi libri venga a galla la sua vera storia.
Jessamine è fredda, bellissima, distaccata e anche opportunista ma secondo me è solo una facciata, non vedo l'ora di scoprire cosa si nasconde in fondo all'anima di questa glaciale ragazza.
Mi sono ritrovata molto in alcuni suoi lati come la freddezza apparente, l'ironia pungente e la chiusura totale per non far trasparire nessun sentimento.
Ho grandi aspettative su di lei, vi saprò dire non appena leggerò gli altri due volumi.
Will è il personaggio maschile più importante, bello da morire, guerriero formidabile e sfacciato seduttore.
Aggiungiamoci il fatto che è davvero un bifolco e abbiamo il personaggio che fa strage di cuori fra le lettrici.
Peccato che a me non ha fatto alcun effetto...ma sono io che sono strana, è chiaro e risaputo.
Il suo amore tormentato con Tessa mi fa spesso innervosire, è vero che se si mettessero assieme già al primo libro, non ci sarebbe un seguito ma, ragazzi miei, diventano davvero insopportabili nella loro stupidità e cocciutaggine.
A Will piace Tessa e Tessa è cotta di Will, che altro serve sapere???
Ma passiamo al mio personaggio preferito in assoluto, Jem, il gentiluomo dalla salute cagionevole che mi ha conquistata.
A parte che è descritto come una specie di Dio greco, occhi argentei che ti incantano e maniere da vero lord, cosa potrei volere di più?
Però mi fa davvero paura la sua situazione...non voglio che sia lui il personaggio destinato a rimetterci le penne, perché è chiaro che in questi tipi di libri qualcuno prima o poi schiatta.
Ho paurissima!!!
Interessanti anche Magnus Bane e Camille la vampira affascinate, spero ci sarà un approfondimento della loro storia d'amore.
la storia insomma mi ha conquistata e non mi capacito di averci messo così tanto a iniziare questa saga di cui tutti decantano le lodi, e a ragione.
Non vedo l'ora di proseguire e tuffarmi poi nella seconda saga di Shadowhunters e conoscere nuovi personaggi.
Questo mese io e Carmelo abbiamo fatto un'ottima scelta.

Bene amici lettori, il post è concluso, andate a leggere anche il pensiero del mio collega, mi raccomando.

Un bacione magico dalla Cry.

mercoledì 21 giugno 2017

Top&Flop.

Ciao a tutti amici lettori, sono particolarmente felice di annunciarvi l'inizio di una nuova rubrica in collaborazione con la frizzante Chiara di Chiara in Bookland .

Pensando all'estate io e la Chiara abbiamo scelto un argomento adatto all'inizio di questa calda e bellissima stagione:
5 libri top letti sotto l'ombrellone e 5 libri flop sempre letti sotto l'ombrellone.
Buona lettura.

Top&Flop.

5 letture top

1) Il bambino con la fionda
Questo libro mi ha commossa e toccata come pochi riescono a fare.
L'ho piazzato nella classifica dei migliori libri che io abbia mai letto quindi potete ben capire quanto ci sono legata.
Alla fine ho pianto e io piango davvero pochissimo per i libri.
Ve lo consiglio se volete leggere qualcosa che vi lasci dentro un segno.



2) Notti in bianco, baci a colazione
Anche questo libro l'ho adorato particolarmente, racconta tutta una serie di episodi realmente accaduti all'autore.
Perché avere figli non è sempre facile ma i bei momenti sono indelebili e mi ha fatto tantissima tenerezza l'amore che traspare dalle pagine di questo libro, un amore tra padri e figli che non molto spesso viene raccontato.



3) La principessa sul pisello
Sapete tutti quanto io amo la Littizzetto quindi non potevo non segnare questo libro nella categoria dei top.
Un libro divertente, fresco e leggero, ottima lettura da fare al mare mentre prendete la tintarella.



4) Il mio cuore e altri buchi neri
Non molto allegro come libro, lo ammetto, ma bellissimo e che tocca un tema ostico come la depressione e il suicidio.
Davvero molto bello.



5) Il meraviglioso mago di Oz
Chi non ha amato leggere questo libro?
È uno dei classici più amato assieme ad Alice nel Paese delle Meraviglie ed è stato un ottima lettura da fare per allontanare lo stress e il caldo allucinante della scorsa estate.



5 letture flop


1) Solo Flora
Di questo libro ricordo poco e nulla perché non mi ha lasciato nulla di nulla di nulla... mi aspettavo qualcosa di più dalla trama e ci sono rimasta molto male.


2) La notte in cui ci siamo ascoltati
Magari a tanti è piaciuto ma io mi sono annoiata da morire, l'ho trovato mal scritto e la storia non mi ha per niente presa.
Davvero un enorme flop.


3) Le #piccolecose che amo di te
Questo libro non lo reputo proprio un flop per la verità, ma è sicuramente meno bello rispetto ad altri libri che ho letto l'estate scorsa.
Un grosso Ni insomma...ne carne ne pesce.


4) La fonte magica
Ok, è un libricino davvero piccolo e, in teoria, è una specie di favola ma... io l'ho odiato da morire.
Una favola noiosa e senza alcun significato.
Persino la copertina non mi ha fatto impazzire.


5) Furbo il signor volpe
In realtà questo libro mi è piaciuto molto ma, dovendo sceglierne uno fra i molti letti l'estate scorsa, ed essendo gli altri troppo belli per citarli come flop, mi trovo costretta a inserire questo.



Bene amici,questi sono i miei top&flop, se volete dirmi quali sono i vostri sono ben felice di saperlo.
Andate a leggere il post della dolce Chiara Chiara in Bookland
Ci leggiamo domani con un nuovo post.
Bacioni dalla vostra Cry!